22
Giu

VisioLive – DJ Set Gushi & Raffunck

[email protected] Visionario – Via Asquini 33 – Tel. 0432 204933

Lunedì 26 Giugno 2017

Orario: 19:30

GUSHI & RAFFUNK LIVE

Visionario Garden . Ingresso libero. In caso di maltempo i concerti si sposteranno al bar del primo piano

19
Giu

Fanfara della Brigata Alpina Julia

[email protected] Matteotti

Mercoledì 21 Giugno 2017

Orario: 19:00

In occasione della festa della Musica, concerto della Fanfare della Brigata  Alpina Julia.
15
Giu

LUCIO COMAR – Tratti di vita contadina nel Friuli del Novecento

[email protected] della Confraternita, colle del castello

Da Domenica 4 Giugno 2017 a Domenica 18 Giugno 2017

 Il mondo rurale, la sua semplicità, la comunione con la natura e le tradizioni di famiglie patriarcali, uniche e presenti; gli antichi lavori svolti fra le mura domestiche, mani screpolate, i volti, ora dolci ora severi, sono il simbolo di un Friuli che non voleva cambiare, che vibrava di fierezza e di orgoglio, nonostante le avversità ed il clamore degli stenti e delle fatiche.

Lucio Comar, artista cervignanese, scomparso nel 2014, ha saputo consegnare e consegna tuttora, attraverso il suo magico tocco di colori la gioia di esistere, la fatica, il calore familiare ed il richiamo agreste, nonché la giovinezza e la senilità, in sintesi il maestoso e stupefacente virtuosismo della vita trascorsa e presente della nostra terra.

In mostra circa 30 opere del Maestro, principalmente con la tecnica ad olio su tela, prodotte tra gli anni settanta ed ottanta dello scorso secolo, raccolte per l’occasione da collezioni pubbliche (amministrazioni comunali, biblioteche, regione) e private.

Verranno predisposti tre percorsi tematici, prediletti dall’artista:

VITA CONTADINA – con scene a carattere figurativo ritraenti il lavoro nei campi, i gesti operosi di uomini e donne nelle pratiche rituali, il bestiame e la natura colta nel passare delle stagioni.

NATURE MORTE – composizioni di elementi naturali, strumenti da lavoro, tutti ripresi dal mondo rurale nella loro semplicità.

LAGUNE – i paesaggi e i pescatori della laguna gradese, immersi nei colori naturali di quelle marine.

Orario di apertura:

da martedì a domenica 10.30 – 13.00 e 16 – 18.30

8
Giu

Italia-Liechtenstein

[email protected] Friuli

Domenica 11 Giugno 2017

ore 20.45

 
L’Italia torna a Udine, e questa volta per un match ufficiale. Dopo la partita dello scorso anno con la Spagna allo stadio Friuli – il prossimo 11 giugno alle ore 20:45 – ospiterà la sfida contro Liechtenstein, valevole per le qualificazioni alla prossima Coppa del Mondo di Russia 2018. Una scelta che continua a premiare il nuovo impianto bianconero, pronto anche per ospitare i match della Fase Finale del Campionato Europeo Under 21 del 2019, assegnato dal Comitato Esecutivo della UEFA all’Italia.

 
5
Giu

FVG Pride Day – Udine 2017

UDINE

percorso cittadino

Sabato 10 Giugno 2017

Programma ufficiale dell’FVG PRIDE DAY – UDINE

15:00 – Ritrovo in viale Giacomo Leopardi

16:00 – Inizio corteo da piazza della Repubblica

18:00 – Arrivo corteo in piazzale del Castello di Udine

Inizio Palco FVG Pride, condotto da Sofia Lapapessa, Antonio Parisi e KeTy Perdy, con i discorsi istituzionale e tante sorprese

19:00 – FVG Pride LIVE  con i concerti di YOMBE, КУКЛА, L I M, Cakes Da Killa e Telepathe

In collaborazione con: RADAR concerti e Cas’Aupa Sponsor tecnico: eps Italia srl 00:00 – FVG Party Pride (Rock Club Anni 60, Pradamano) con Psonic Psummer, Hard Ton e Fare Soldi

1
Giu

Il suono in mostra – The Religion of toxins

[email protected] del Duomo Piazzetta Bertrando

Sabato 3 Giugno 2017

Orario: 18:00

Inaugurazione della mostra: The religion of toxins

Installazione di Marc Behrend.

29
Mag

Paradoxa

[email protected] Cavazzini Museo d’Arte Moderna e Contemporanea

Da Sabato 22 Aprile 2017 a Domenica 27 Agosto 2017

Orario: 10:30

Sarà la Cina il paese protagonista dell’edizione 2017 di Paradoxa, progetto triennale partito un anno fa per investigare le forme attuali dell’arte contemporanea estremo-orientale, prodotto dal Comune di Udine – Civici Musei con l’ERPaC, Ente Regionale per il Patrimonio Culturale, organizzatore della mostra, patrocinato dall’Università degli Studi di Udine e curato da Denis Viva. Tre artisti cinesi, Cheng Ran, Xie Nanxing e Chen Wei, già affermati a livello internazionale, esporranno a Udine dal 22 aprile al 27 agosto 2017 a Casa Cavazzini, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea, i propri lavori di pittura, fotografia e video art sul tema dell’oscurità.

Udine è la città che da 19 anni accoglie il Far East Film Festival, il più grande festival europeo del cinema asiatico, ed è proprio in concomitanza con questo grande evento (21-29 aprile 2017) che la mostra taglia il nastro.

Quella del 2017 si preannuncia come un’edizione particolarmente intimista e curiosa per un allestimento semioscuro, realizzato in collaborazione con l’artista pordenonese della luce Ludovico Bomben, che ha l’obiettivo di provocare un’iniziale perdita di punti di riferimento spaziali alla quale lo spettatore si adegua dopo qualche minuto trascorso all’interno delle sale.

Basata sul tema del paradosso, del pensiero controintuitivo e della contraddizione, ciascuna edizione di Paradoxa esplora un contesto espositivo nazionale e un singolo tema: dopo la manipolazione degli oggetti e del quotidiano, che era stato il focus della mostra 2016 sul Giappone, l’edizione sulla Cina ha scelto di sondare il tema dell’oscurità nell’arte e nella cultura cinese. Da sempre radicato come parte essenziale e irrinunciabile della realtà, questa tematica costituisce infatti uno dei temi classici, orientalisti, associati ai fondamenti bipolari della cultura filosofica e religiosa di questo Paese.

L’uso della luce, fioca e quasi crepuscolare o intensa e quasi accecante, e il suo alter ego, il buio, divengono elementi espressivi imprescindibili che permettono agli artisti di mantenere, da un lato, il legame con la tradizione e, dall’altro, uno sguardo più inquieto, una maggiore intimità che contrasta col futuro radioso e col collettivismo spesso associato all’arte cinese. È questa la caratteristica che accomuna le opere dei tre artisti del Paese del dragone, giovani e mid career, presenti in mostra.

Xie Nanxing (1970) raggiunge la sua immagine pittorica dopo complessi passaggi: il soggetto viene filmato, trasmesso su di un televisore, fotografato durante l’emissione così da catturare anche i riflessi dell’ambiente sul monitor e infine riportato su tele di enormi dimensioni attraverso la pittura a olio.

L’immagine che ne risulta è difficile da decifrare e si rivela soltanto nel momento in cui l’occhio si sia abituato all’oscurità.

Anche per Chen Wei (1980), tra i più giovani influenti artisti fotografi cinesi attuali, lo sviluppo dei propri lavori fotografici è frutto di una meticolosa elaborazione. Egli non immortala delle situazioni trovate, ma, piuttosto, cerca e trova oggetti, soggetti o condizioni che stimolano in lui l’interesse per metterli poi in scena all’interno del proprio studio in ambientazioni enigmatiche, costruite con estrema minuzia e scrupolosità. Il risultato sono fotografie senza tempo, con calibrati effetti di luce e oscurità, in cui la realtà appare sospesa.

L’opera del video artist Cheng Ran (1981) si caratterizza per un approccio verso l’immagine misterioso e talvolta cinematografico. Nell’opera dell’artista si stratificano una serie di riferimenti culturali prelevati dal cinema, dalla musica, dalla letteratura e dalla poesia, da citazioni o discorsi di famosi personaggi e dall’arte del mondo occidentale. L’inserire all’interno del proprio racconto questi riferimenti già prodotti da altri, provocandone uno slittamento o manipolandone alcuni aspetti, rappresenta per Cheng Ran uno stratagemma attraverso il quale riportare lo spettatore disorientato dentro l’opera. Anche per lui, la luce e la sua alternanza con l’oscurità divengono un accorgimento non secondario per la composizione di intricate scene: come in Rock Dove (2009), dove un piccolo stormo di uccelli si dibatte sotto una fredda illuminazione al neon.

Orario di apertura:

da martedì a domenica dalle 10.30 alle 17.00 (fino al 30 aprile)

Chiuso il lunedi

da martedì a domenica dalle 10.30 alle 19.00 (dal 1° maggio)

Chiuso il lunedì

24
Mag

35^rassegna artistica dei manufatti

[email protected] Università della terza età Viale Ungheria, 1

Giovedì 25 Maggio 2017

 

Mostra delle creazioni artistiche ed artigianali del laboratorio dell’Ute.

Orario di apertura:

Dal lunedì al venerdì

10.00-12.00 / 16.00 – 18.00

22
Mag

Un’Idea di Poesia – Rassegna di Gruppi poetici

[email protected] Libreria Cluf Via Gemona 22
Giovedì 25 Maggio 2017
Orario: 18:00

Il Gruppo Anna Achmatova si è formato nell’inverno del 2007. Si propone di sostenere e promuovere la cultura delle donne. Ha preso il nome da una poeta che ha fatto della propria vita e della propria scrittura un nesso inscindibile, con tutto ciò che questo comporta, e che ha dato testimonianza con la propria voce a chi voce non aveva.
Le componenti del Gruppo lavorano su temi scelti insieme, approfondiscono e si scambiano conoscenze, si confrontano sulle loro produzioni, curano relazioni con altre donne ‘autrici’ che vengono lette, intervistate, presentate.
Cristina Benedetti, Vilia Candido, Isabella de Manzini Braulin, Luisa Gastaldo,Marina Giovannelli, Susanna Marchi, Maria Dolores Miotto, Alberta Vidal, Barbara Vuano,e le artiste Gina Morandini e Maddalena Valerio

17
Mag

Centenario della Grande Guerra

[email protected] Ossario

27 e 28 maggio 2017 

Lettura e Commemorazione dei Caduti “non-stop” 

Consegna delle Medaglie Commemorative alle Famiglie

Consegne dei Fogli Matricolari

L’Evento di ricordare ogni Caduto della Grande Guerra nella Regione Friuli Venezia Giulia nasce dalla consapevolezza che il nostro territorio è legato alla memoria nazionale dell’Unità d’Italia. Nel Centenario della Grande Guerra 2014-2018 nelle Cerimonie delle Associazioni d’Arma verranno citando tutti gli iscritti nell’Albo d’Oro, 529.025 Caduti, dando una prova di riconoscenza verso le Forze Armate ed verso di contributo di sangue dato da tutte le famiglie italiane sulla nostra terra per l’unificazione della Patria.

La Commemorazione del luogo della Memoria di ogni singolo Soldato Caduto è la testimonianza storica della loro vita che appartiene ad ogni Famiglia come percezione tangibile che la loro storia è nella storia dell’Unità d’Italia.

La Commemorazione nominativa dei Caduti verrà eseguita  con gli Onori Militari dal 24 maggio 2014 al 04 novembre 2018, con la consegna  ai Familiari della Medaglia Ricordo.
Medaglia in ferro raffigurante da un lato il Logo del Governo per il Centenario della Grande Guerra e dall’altra la statua presente nel Cimitero degli Eroi di Aquileia.

Nella Medaglia verrà inciso il grado, cognome e nome del Caduto.

Un memoriale per tutte le Famiglie Italiane.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui per visualizzare l'informativa estesa